DSCN1473 712 401 2302

In Sicilia, l’antico borgo di Occhiolà, in provincia di Catania, fu distrutto nel gennaio del 1693, quando un terribile sisma devastò e rase al suolo gran parte della Sicilia orientale.
Questo evento, se da una parte segnò il definitivo abbandono del sito di Occhiolà, dall’altra permise di conservare intatta ed indisturbata da interventi successivi una complessa ed articolata stratificazione storica, che oggi si configura nell’area del Parco Archeologico Comunale di Occhiolà.

icona-camera 2302 Le attività dimostrative sono incentrate su:
analisi delle fonti su eventi sismici che hanno interessato l’area;
studio ed analisi delle relazioni tra evento sismico ed effetti sulle strutture murarie superstiti e le stratigrafie archeologiche connesse;
realizzazione di una piattaformaGIS per la gestione e l’analisi dei dati e della documentazione prodotta dal progetto;
analisi architettonica per l’individuazione delle strutture interessate da danni sismici;
monitoraggio e analisi del rischio sismico su strutture e materiali del sito;
caratterizzazione delle malte per individuazione di fenomeni sismici;
sviluppo di procedure e strumenti per la protezione, fruizione e valorizzazione del sito.

indietro 15

 

DIMOSTRATORI

3Cartina 2402 taglio grammichele verona cerreto napoli ocre